Devi acquistare un impregnante per legno ma non sai qual’é quello giusto al tuo scopo? Meglio uno all’acqua o uno a solvente? Ti stai chiedendo cosa sono i VOC? Non ti preoccupare, in quest’articolo troverai le risposte ai tuoi dubbi.

Molto spesso gli impregnanti per legnoa vengono confusi con le vernici o gli smalti. In quest’articolo ti spiegheremo che cos’è un impregnante per legno, quali sono i suoi usi e le sue caratteristiche e come individuare i prodotti più sicuri.

Dopo aver scoperto com’è facile usare questo tipo di prodotto, non potrai più fare a meno degli impregnanti per proteggere e colorare il tuo legno!

✔️ Cos’è un impregnante per legno? Un impregnante è un prodotto che, penetrando nella porosità dell’oggetto trattato senza generare pellicole superficiali, consente di proteggere e/o colorare il legno. Ciò permette la traspirazione del legno grazie ad un corretto scambio di umidità con l’ambiente. Gli impregnanti di qualità oltre a non alterare la superficie del materiale, garantiscono la traspirazione del legno attraverso le sue venture che trasmette un piacevole effetto naturale.

✔️ Impregnante all’acqua o a solvente? Storicamente l’impregnante più utilizzato è quello a solvente, in quanto l’impregnante ad acqua si è sviluppato molto negli ultimi decenni grazie all’evoluzione delle tecnologie. Le altre leve che hanno spinto alla commercializzazione e all’utilizzo degli impregnanti ad acqua riguardano la sostenibilità ambientale e la sensibilità verso la salute umana, infatti i prodotti di questo tipo sono caratterizzati da un minore contenuto di Composti Organici Volatili (COV), quindi meno nocivi e più facilmente smaltibili rispetto a quelli a solvente. Dall’altro lato, gli impregnanti ad acqua presentano due piccoli problemi: l’ingrigimento vicino ai nodi e sollevamento della fibra, detto anche “sollevamento del pelo”. Per ovviare a tali problematiche è consigliato carteggiare la superficie del legno dopo il trattamento. Ad ogni modo, se vengono scelti impregnanti di qualità che rispettano le più stringenti normative, tali problematiche vengono meno.

✔️ Cos’è la finitura per legno? A differenza dell’impregnante, la finitura crea una pellicola protettiva che non penetra in profondità e protegge il legno dagli agenti atmosferici. Tale prodotto è molto importante da un punto di vista estetico in quanto la fase di finitura è l’ultima fase di trattamento del legno.

Come per gli impregnanti, anche le finiture possono essere ad acqua o a solvente.

✔️ Quale finitura scegliere? Tutto dipenderà da dove è posizionato il legno da trattare:

  • Nel caso di interni, è consigliabile utilizzare finiture ad acqua in quanto questa tipologia di prodotti garantisce una maggior attenzione rivolta alla salute delle persone. Allo stesso tempo queste finiture garantiscono elevati standard estetici che si uniscono ad un elevata resistenza ad abrasioni, urti e graffi;
  • Nel caso di esterni, è consigliabile utilizzare finiture ad acqua o a solvente che garantiscono un elevato grado di elasticità della pellicola protettiva. Questa è una caratteristica fondamentale perché il legno è soggetto a gonfiarsi e restringersi in relazione al grado di umidità e alle temperature. Di conseguenza, se esposto nell’ambiente esterno, tale variabilità si accentua. Dunque, è indispensabile che le finiture siano in grado di assecondare queste variazioni garantendo un’alta protezione agli agenti atmosferici.

  • Nel caso si legno nuovo, prima di utilizzare l’impregnante, è consigliabile applicare un trattamento biocida come l’antifungo e/o l’antitarlo, soprattutto se l’oggetto verrà collocato in una zona caratterizzata da elevata umidità. Nel caso in cui siano presenti fori o fessure, si suggerisce di utilizzare dello stucco per legno in modo tale da avere una superficie liscia ed omogenea. Come ultima cosa, prima di applicare l’impregnante, è bene pulire il legno da eventuali residui di sporco sulla superficie.
  • A questo punto si può stendere il prodotto: l’impregnante va steso seguendo la direzione delle venature e si può applicare a pennello, a rullo, a spugna o a spruzzo tramite la pistola da verniciatura.
  • Nel caso di legno già trattato, è sufficiente pulire la superficie con un detergente specifico e poi riapplicare l’impregnante. Consigliamo di fare questo trattamento quando le superfici risultano sporche o quando cominciano a dare i primi segnali di scolorimento e/o ingrigimento.
  • Per rimuovere dell’impregnante appena applicato e asciugato, basterà piallare o carteggiare il legno per rimuovere lo strato superficiale colorato. L’altra soluzione è quella di utilizzare dei prodotti specifici, ad esempio solventi. La soluzione da noi consigliata è quella di utilizzare carta abrasiva per non rischiare di rovinare il legno. Chiaramente dopo la carteggiata, sarà poi necessario eliminare la polvere e riapplicare il prodotto corretto.

La nostra scelta di qualità: AMONN è un’azienda di Bolzano con oltre 200 anni di tradizione: questo garantisce un elevato livello di esperienza e di affidabilità. Con il passare degli anni, Amonn è riuscita a capire e a trovare le migliori soluzioni per un trattamento efficace del legno nel rispetto della salute umane e dell’ambiente.

La tecnologia Amonn è frutto di un costante aggiornamento portato avanti da un team di ricercatori qualificati nelle sedi di Korneuburg (Austria) e Ponte nelle Alpi (Italia), sia nella fase di ricerca e sviluppo che in quella di sperimentazione. Tutto ciò è poi seguito da un reparto produttivo all’avanguardia, caratterizzato da attrezzature ad altra innovazione tecnologia, sistemi di controllo continuo in tutte le fasi di produzione, rispetto delle procedure atte a garantire la sicurezza ed al contempo la minimizzazione degli sprechi con una costante attenzione verso l’ambiente e l’uomo. La principale sede produttiva è immersa nelle Dolomiti Bellunesi a Ponte nelle Alpi. La mission aziendale è la fusione tra l’alta innovazione tecnologia e il rispetto delle persone e dell’ambiente.

La qualità dei prodotti AmonnAmonn persegue l’obiettivo della qualità in ogni ambito della propria attività, a vantaggio dei propri clienti e collaboratori e nel pieno rispetto dell’ambiente. Proprio per questo l’azienda è certificata ISO 9001 e ISO 14001. In più, per certificare la qualità dei propri prodotti e sistemi, Amonn non si affida soltanto a controlli interni, ma soprattutto a centri sperimentali esterni e accreditati a livello internazionale. Tutti i sistemi chiaramente soddisfano in pieno i requisiti previsti dalle normative comunitarie.

Come si fa a capire se un impregnante è sicuro per l’ambiente e per l’utilizzatore finale?

Tutte le informazioni sul grado di pericolosità sono obbligatoriamente inserite nell’etichetta del prodotto (qui sopra un esempio di etichettatura conforme alle vigenti disposizioni di legge). Se il prodotto contiene principi attivi biocidi o additivi che inducono l’impregnante ad essere etichettato come pericoloso, dovrà essere indicato in etichetta il pittogramma di pericolo specifico assieme ad una o più frasi di rischio e ad uno o più consigli di prudenza.

Nel nostro punto vendita potete trovare i seguenti prodotti per il trattamento del legno:

  • Impregnanti a solvente e ad acqua
  • Impregnanti in colore e colorati
  • Finiture a solvente e ad acqua
  • Finiture in colore e colorati
  • Antitarlo all’acqua e a solvente
  • Olio rivitalizzante
  • Smalti a solvente e ad acqua
  • Smalti brillanti, satinati e antigraffio
  • Stucchi colorati e colle
  • Carta abrasiva di diversa grana

Compila il sottostante modulo di richiesta:

    integralmente la v/s informativa sulla privacy e la cookies policy.

    Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Bandiera.

    • Manutenzione casa Impregnanti e finiture per legno
    • DISPONIBILE presso negozio di Prata